Il Remote Slow Mob

Home / 49 / Il Remote Slow Mob

Gran finale del remote slow mob di settembre 2016 a Savignano sul  Rubicone

Il remote slow mob  è un modo per valorizzare il potenziale storico-turistico del fiume Rubicone mediante il coinvolgimento diretto dei partecipanti. Ciò avviene attraverso tecniche mutuate dal mondo dei giochi (gamification) applicate al settore della promozione territoriale (marketing turistico).

Da sempre, l’azione di giocare coinvolge e diverte. È così che si crea uno stato mentale positivo verso il gioco in sé e i suoi significati, ma è soprattutto nella ricerca della gratificazione della
vittoria (un punteggio, una ricompensa, una scoperta) che possono generarsi inedite traiettorie di conoscenza.

Come funziona?

Lungo il percorso naturale, che si snoda sugli argini del fiume fino al ponte romano, i partecipanti dotati di cuffie radio, vengono coinvolti in situazioni divertenti, inattese, esperienziali. Così, il gioco finisce per fondersi con l’immersione cognitiva nella storia, nel territorio, nella natura.

Lo scopo è quello di vivere in prima persona lo storico attraversamento del fiume Rubicone da parte di Giulio Cesare quando, ribellandosi allo Stato Romano, pronunciò la famosa frase Alea Iacta Est. Il senso universale di attraversare il Rubicone è ancora oggi quello di prendere una decisione grave e dolorosa, come reazione necessaria al fine della propria sopravvivenza.

In fondo, la storia è da sempre un processo dove tutti siamo protagonisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *